giovedì 12 febbraio 2015

le chiacchiere ubriache

Le chiacchiere ubriache di mamma




le chiacchiere sono per me il dolce che mette il sorriso...e non perche'sono di tradizione del periodo di carnevale  ma perche'mi riportano nella cucina di casa della mia Casa..una cucina enorme rivestita co  delle grandi mattonelle, decorate con degli enormi girasoli arancioni !
ricordo la preparazione ,l'agenda di  mamma con la copertina di pelle verde scuro e le pagine dal profilo color oro ingiallite; le sfoglie tirate a mano lunghissime come tante sciarpe e  la mitica rotella con i denti consumati  tanto che ogni tanto si imballava per quante volte la rotella passava su e giu'... fiocchi, nodi..ogni forma era consentita ogni forma prendeva vita nel momento in cui veniva immersa nell olio bollente...ricordo le finestre aperte per far uscire l'odore del fritto che invadeva tutta la casa e me piaceva, niente mi rendeva piu'felice...perche'si percepiva aria di festa, la ciotola dello zucchero a velo appena fatto al macinino  e le mani completamente bianche ...i cuoricini disegnati con le dita nello zucchero caduto sul tavolo...e le sgridate per le chiacchiere mancanti, rubate e portate fuori al balcone per mangiarle in fretta e furia sperando che mamma non ne se accorgesse...ma lo zucchero sulla maglia mi tradiva sempre!
e poi...quando tutto era finito si puliva, si spolverava lo zucchero rimasto sul tavolo e sulla maglia e in batter di ciglio le chiacchiere sparivano nel soggiorno messo sotto chiave fino al giorno dopo per la festa di classe...odiavo la festa di classe! 
quando i miei compagni si avventavano sul vassoio ero sempre arrabbiata....e a casa il vassoio ritornava sempre vuoto!
 e oggi a distanza di 30 anni  ogni volta che si preparano cé sempre lo stesso rimprovero... e la tentazione di rubarle di nascosto ormai fa parte del rituale!
ma perche'ubriache?  ubriache per la quantita'di limoncello che mia mamma  usa per aromatizzarle...
rigorosamente homemade!
con questa ricetta partecipo al contest di Enrica Coccola time ed Elisa, di fior di cappero:


                                 




Ingredienti:

500g di farina 00

4 uova
50 g di burro a temperatura ambiente
50g di zucchero
1 bicchierino di limoncello
1 bustina di lievito per dolci.
lo zest di un limone lavato e asciugato
2 litri di olio di arachidi
una pentola dai bordi alti.

se siete muniti di una palnetaria, vi risparmierete la fatica dell'impasto.
la preparazione e'molto semplice:
nella ciotola della planetaria unite la farina, lo zucchero e le 4 uova, aggiungete lo zest di limone
con la frusta K lavorate fino a che l'impasto non risulti omogeneo,
incorporate il burro e continuate a lavorare per bene.
alla fine versate nell'impasto il bicchierino di limoncello
continuate a lavorare fino a che tutto l'imposto risulti liscio ed omogeneo.



in una pentola dai bordi alti versate 2 litri di olio di arachidi e fatelo riscaldare per bene.
il metodo casalingo per testare la temperatura dell'olio e quello di immergere un pezzettino di pasta se questa risale immediatamente a galla vuol dire che l'olio e'pronto per essere usato.

mentre l'olio raggiunge la temperatura, si stende la l'impasto in strisce mediamente sottili, potete usare anche la nonna papera




riponetele su fogli di carta da forno spolverate di farina e con la rotella ritagliate dei rettangoli larghi 5 cm, da qui potete creare tutte le forme che volete, fiocchi, nodini, alla fantasia non c'e'limite..
immergetele nell 'olio nel momento che risalgono a galla non giratele spesso cercate di colorare prima un lato e poi láltro scolatele e riponetele ad asciugare su carta assorbente.
adesso viene la parte piu'bella




spolverate con tanto zucchero a velo ma tanto tanto...

9 commenti:

  1. mamma mia...devono essere a fine del mondo con il limoncello!!!! comunque hai ragione..tutte quelle cavallette sulle tue adorate chiacchere!!!! grazie per aver partecipato....stupende foto!!! e ricetta da rifare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ringrazio voi per aver aperto i cassetti della memoria...😄

      Elimina
  2. che meraviglia le tue chiacchiere.... lunghe sciarpe....
    con limoncello mai mangiate!
    Però mia fatto ricordare quel che faceva mia nonna... e noi come cavallette ci buttavamo sopra!!
    grazie per aver partecipato con questi tuoi ricordi al nostro contest!
    ciao
    elisa

    RispondiElimina
  3. Che buone che sono!!!!! Lo sai che anche per me sono i cbo dell'infanzia, quando le mangiavo di nascosto.... cotte e crude!!! Con il limoncello non le ho mai provate, ma mò mi hai incuriosoto! Un bascione

    RispondiElimina
  4. ehhh il limoncello di mammà...ne so qualcosa....devono essere davvero eccezionali!

    RispondiElimina
  5. E tu saresti una che non ama scrivere? Bellissimo post.

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. E tu saresti una che non ama scrivere? Bellissimo post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, ma a volte sembra che sia proprio così!

      Elimina

Lettori fissi