giovedì 14 maggio 2015

Calamarata ai due pachino con Capperi di Salina e basilico fresco


Calamarata ai due pachino 
con 
capperi di Salina e basilico fresco








quando ho conosciuto John...sapevo solo che la cucina era il regno di mia mamma!   lavoravo tutto il giorno in  un negozio dove le clienti non erano clienti ma persone che si sentivano Paris Hilton dalla testa ai piedi dove lo sfoggio di carte di credito  variavano dall'oro al platino, il silicone era alla portata di peso e di quantità' iniettata, quando finivo e tornavo a casa ero completamente distrutta , i miei piedi erano distrutti : tacco 8 per 8 ORE....

...ma ritorniamo al marito.
Il marito, devo dire che ,non si presentava così simpatico e socievole anzi la somiglianza con un` cavernicolo sbarcato in Italia  era molto vicina....pero' qualcosa  mi tirava verso di lui....forse il vestire le persone era diventata per me una deformazione tale che forse accettai tra me e me la sfida di poter cambiare quest'uomo..almeno esteriormente!
Uscimmo una sera con tutti i suoi colleghi ...era dicembre ma loro avevano gli infradito ai piedi....It's Hot! a 8 gradi....per fortuna il futuro marito non l'indossava!
Si parlava dell'Italia , usi e costumi...bla bla bla....fino a quando il discorso cadde sul significato famiglia...la famiglia italiana difetti e virtu'....io innocente formulai una frase con il mio balbettante inglese gli chiesi con voce dolce e carina : "and you John do you want a family? ecco lui si giro' di tre quarti  così' come nella foto 






e con un NO i don't want a Family....mi rispose!
se avessi avuto un bastone glielo avrei tirato in faccia....ma da li' si scateno' tutto!

malgrado tutto, conservavo sempre l'idea di poter cambiare quest'uomo, quindi continuammo ad uscire, intanto era arrivata léstate e una domenica pomeriggio dopo una giornata trascorsa al mare tornammo a casa sua trovammo dietro la porta di casa una cassetta di pomodori rossi e del basilico, lasciati dalla padrona di casa....e li mi venne l'illuminazione... JOHn hai della pasta? e lui Maybe!
va be' scavando nella dispensa trovai delle penne rigate...
lui si apri' una birra e stette seduto li sullo sgabello a guardarmi tutto il tempo...in silenzio
un piatto di pasta con il pomodoro fu la mia risposta al gelo che mi presento' quella sera a cena..e mettendolo sotto il suo naso gli dissi: "Bene, vediamo un po'...tu non vuoi una famiglia...questo piatto questo profumo per noi e'famiglia...amicizia e condivisione....CAPITO???

il 31 maggio saranno 8 anni di matrimonio..un matrimonio tra scontri e incontri di due culture diverse unite nella diversità'!...


Grazie Paola bellissima sfida...."uno spaghetto ca'pummarola "e' come un segnapagine di un 

libro...segna sempre un ricordo della nostra vita!


Ingredienti:

500g di calamarata (pasta)

1 spicchi di aglio

250g di pomodorini pachino freschi

150g di pomodorini pachino secchi sott'olio

olio evo

capperi

basilico

sale 

peperoncino (facoltativo)





in una padella abbastanza grande fate soffriggere l'olio extravergine e uno spicchio doglio tritato, lasciatelo imbiondire e aggiungete i capperi precedentemente lavati, i pomodorini pachino tagliati a pezzetti e foglie di basilico.
Fate cuocere la salsa per un 15 minuti e a quasi fine cottura unite i pomodorini secchi tagliati a pezzetti.
Abbassate un po'la fiamma e fate cuocere per altri 5 minuti.
Nel frattempo mettete a bollire lácqua e con del sale grosso, salatela appena vedete bollire lácqua, unite un filo d'olio per non fare attaccare la pasta.
Per una cottura della pasta al dente cercate di scolarla almeno 5 minuti prima della cottura consigliata, la pasta finira'di cuocere saltandola in padella con il sugo.
Servite con dell'abbondante basilico fresco.












con questa ricetta partecipo alla sfida n.48 del Mtc del mese di maggio.






12 commenti:

  1. Un bellissimo racconto accompagnato da questo piatto che davvero sa di casa, famiglia, estate, sentimento...tutto insomma!

    RispondiElimina
  2. Il nostro Johnnino....quello sguardo....ah quello sguardo ci dice sempre tutto...sono contenta che ora voi siate una bellissima famiglia e che il destino ci abbia portato a conoscerci così tanto....poi quando dici tu un piatto di èasta col pomodoro l'accetto sempre volentieri se lo hai fatto tu...baciiiiiiiiiiiiii

    RispondiElimina
  3. quello sguardo ha fatto danno...intanto mi ripeteva sempre che doveva rimanere solo tre anni in Italia...aahahahahahahahahh

    RispondiElimina
  4. Bellissima storia e splendido piatto!
    I capperi di salina poi.. I miei me ne avevano spedito un pacco durante il loro viaggio in Sicilia assieme a panelle, origano e altre mille bontà!
    Fantastica pasta, sa di estate e di mare! ^_^

    RispondiElimina
  5. Bellissima storia e altrettanto golosa la pasta, complimenti ;-)
    Lidia

    RispondiElimina
  6. ecco mi sono emozionata ecco qui
    mi sembra mio marito ..... finto burbero che davanti ad un piatto di pasta la pomodoro ( PRANZO QUOTIDIANO ORAMAI ) si scioglie
    per me hai vinto
    pasta spettacolare
    augurissimiii

    RispondiElimina
  7. quando penso a quella cena ancora mi arrabbio...non mi e'mica passata sai? grazie...la pasta in qualunque modo, anche in bianco, fa sempre compagnia!

    RispondiElimina
  8. Ditelo che volete prendermi dal lato romantico. Ditemi che lo avete capito che sono fin troppo romantica e davanti a queste storie mi sciolgo e mi commuovo. E pensandoci, non ho mica mai conquistato nessuno a tavola, io :) Mi sa che dovrò cominciare a pensarci :) Scherzi a parte, che bella la vostra storia e che bello questo piatto. Il sapore dei pachino secchi unito ai capperi (buonissimi) di Salina da quel tocco di grinta in più che mi aspettavo arrivasse da una donna come te :) Grazie per la ricetta e per questa romantica storia :)

    RispondiElimina
  9. grazie a te per la sfida....!

    RispondiElimina
  10. Pat, che fossi una donna speciale, oltre che una cuoca stratosferica, lo avevo intuito da un po'.
    Ma dopo questo post ne ho la conferma
    E John è un uomo davvero fortunato!

    RispondiElimina
  11. Alessandra....ma grazieeee...mi sento felice!

    RispondiElimina
  12. ..e non mi stanco di sentir questa storia...e conoscendo entrambi riesco ad immagginare le vostre espressioni...e non mi stanco della tua cucina che adoro! Bella ricetta quando la fai per gli amici siculi? :)

    RispondiElimina

Lettori fissi