venerdì 26 settembre 2014

budino di riso al cioccolato con passito e fragoline di bosco

Budino di riso al cioccolato
con passito e fragoline di bosco



nuova sfida nuova ricetta e tanto entusiasmo almeno per me ....
la nuova sfida e'stata creata nella mia NUOVA cucina...quando si dice che  la cucina e' IL REGNO credeteci... e' proprio vero! ho sfidato i 40 gradi all'ombra di un agosto siculo pur di vederla montata subito...e adesso eccomi qui comoda a scrivere sul mio sgabello della mia isola "felice"... come felice e golosa e' la mia ricetta, anche se molto semplice, della sfida lanciata da Acquaviva scorre... dove l'ingrediente protagonista e indiscusso e' IL RISO...
dopo una descrizione chiara ed esaustiva sulle varie cotture del riso e sulle sue diverse varieta', pubblicato sul blog del Mtc che consiglio  di andare a leggere, ho scelto la mia ricetta....golosa ovviamente...
la cottura scelta e' quella al latte, ottima per il mio budino, accompagnato con una ganache aromatizzata al passito, la nota leggermente asprigna  e' data dalle ultime fragoline di bosco... non pensavo ad un risultato cosi'...cremoso infatti quello che vedete in foto e' l'ultimo cucchiaio di budino rimasto!


per fare il budino al riso occorrono:
1 litro di Latte 
220g di riso originario
un cucchiaio di estratto di vaniglia
due cucchiaidi cacao amaro
1 uovo
165 g di zucchero di canna





per la ganache al Passito

200g di cioccolato fondente
200g di panna liquida
1 cucchiaio di passito

per la cottura al latte del riso copio e incollo il procedimento di Acquaviva:

"La cottura al latte, utilizzata prevalentemente per piatti dolci, non è totalmente diversa dalla tecnica precedente, con la differenza che è meglio sostituire la sciacquatura del riso con lo sbianchimento. 

Il riso va infatti scottato per un minuto in acqua bollente, poi scolato e sciacquato sotto acqua fredda, quindi messo in pentola coperto di latte bollente, eventualmente zuccherato e/o aromatizzato, nelle proporzioni indicative di circa 1 l di latte per 220 g di riso crudo.

Si copre il tutto e si cuoce sulla fiamma a fuoco moderato, oppure in forno a 160 °C, per circa 30 minuti, fino all'assorbimento del latte e alla formazione di una crema densa che avvolge il riso e lo lega. Se si preferisce una massa più cremosa, con il riso praticamente sciolto, va raddoppiata la dose del latte, il riso cuoce scoperto per almeno 50 minuti e va mescolato quasi costantemente. "

detto questo, 
 dopo aver cotto il riso nel latte . ho mescolato in una ciotola pulita l'uovo con lo zucchero di canna e un cucchiaio di passito, appena finito di montare ho unito poco alla volta il riso precedentemente cotto e ho amalgamato il tutto.
Il tutto l'ho riversato in una pentola e a fuoco basso ho continuato a mescolare il riso.
Aggiunto il cacao ho spento il fornello.

per la preparazione della ganache
 spezzettare il cioccolato e riporlo in una ciotola, in una pentola versare la panna liquida e fuoco molto basso portare scaldare la panna ma senza portarla in ebbolizione, una volta calda versarla nella ciotola dove abbiamo spezzettato il cioccolato mescolare fino allo scioglimento aggiungere il cucchiaio di passito e lasciarla riposare fin quando non appare abbastanza densa.

per la composizione del dessert, io ho usato un bicchiere ma potete usare qualsiasi cosa basta che sia trasparente in modo tale da far vedere i strati alternati di ganache, fragoline e budino al cioccolato.....
tutto qui...semplice no?

con questa ricetta partecipo alla sfida N.40 del Mtc


7 commenti:

  1. ..e che ti devo dire Patrizia.....mi fa venire una vogliaaaa!!! Dolce d'effetto e raffinato, dai colori caldi e dai profumi invitanti...vorrei provarlo ;)

    RispondiElimina
  2. quando torno da Parigi si rifa'....

    RispondiElimina
  3. uh... golosissimi questo doppio cioccolato e doppio passito rinfrescati delle fragoline! E pensarti a 40 ° fa apprezzare ancor di più l'impegno...

    RispondiElimina
  4. Io per i dolci esco pazza… e questo non fa eccezione… e guai se dici che io sono già pazza! :D

    RispondiElimina
  5. Io amo la follia... È' la sincerità che si materializza in un gesto o in una parola!.... Grazie!

    RispondiElimina
  6. BBBBono! e la tua cucina è bellisssima! ...

    RispondiElimina

Lettori fissi